Un giorno di pioggia


Quanto è passato? 2 anni? Oddio.

Il tempo va, passano le ore. E, seriamente, dovrei chiamare un dottore

E’ da un po’ che non scrivo sul blog. E’ da un po’ che non scrivo in generale. Ho il blocco. Oggi il mio blog compie il suo secondo anno di vita, e un bel post per commemorare l’occasione ci sta tutto.  Però, cosa scrivere se si ha il blocco?

Un giorno di pioggia, Andrea il Ciarlatano scalciò una micia per caso. 

In questi due anni, ho scritto post di tutti i tipi, dai più ‘toccanti’ (almeno, da quanto mi hanno riferito coloro che hanno letto) ai più deliranti (e qui sono il primo ad ammetterlo). 51 post in cui ho dato libero sfogo a emozioni e follie personali. Ma tranquilli, il vaso è ancora pieno e per svuotarlo tutto ce ne vorrà ancora molto.

Il blocco mi impedisce di dilungarmi, perciò vi saluto. Alla prossima follia.

Tony Musicco

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

The Grumpy Doctor

Sadaf Alvi's Blog

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

Filmmaker's Life

Il blog italiano del mondo dei Filmmakers

meltaplot

adesso il cinema lo fai tu

ArticolaMente

Storie di una neo pubblicista mai stata pagata.

F.I.A.E. - FORUM INDIPENDENTE AUTORI EMERGENTI

Un Posto Tranquillo Dove Si Apprende Attraverso Il Confronto

Fumettologicamente

Frammenti di un discorso sul Fumetto. Un blog di Matteo Stefanelli

AllegraMalinconica

In Wonderland

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: